Gioppino, Brighella e la macchina incantatrice

DSCF3416_1

(ph. Danilo Peduzzi)

Lo spettacolo nasce da un’idea semplice e cara ai burattinai di tradizione popolare: raccogliere stimoli e suggestioni dall’attualità, interpretarli con senso critico ed ironia per offrire al pubblico delle piazze e dei teatri un’occasione di divertimento e di riflessione su ciò che succede fuori dalla baracca.

Qui Gioppino, Brighella e gli altri dodici personaggi animati dai due burattinai se la dovranno vedere con temi importanti quali il senso della ricerca scientifica e l’uso della tecnologia  nonché il potere di persuasione di una magica macchina incantatrice, così simile all’ onnipresente televisione.
In questa divertente e sagace commedia, Brighella, sempre  avido di denaro e pronto all’inganno, non esiterà a derubare un’ingenua pensionata. Si metterà poi in affari con la misteriosa Setta della “Mano Nera” che mira al potere assoluto sull’umanità, vendendo loro la magica ed ipnotica macchina, ideata , a fin di bene , dal buon Dottor De Benedettis.
Costretto a  confrontarsi con la propria coscienza e messo di fronte alla scelta definitiva tra il bene ed il male, Brighella si dovrà arrendere agli “argomenti convincenti e sonori” del suo eterno amico- nemico Gioppino.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *